Sindaco in mutande e Re gran cerimoniere

Sindaco in mutande e Re gran cerimoniere

Febbraio 21, 2019 - 15:23
Posted in:

Come da tradizione lo spettacolo d'apertura della Lingera ieri a Roveredo ha divertito con canti, balli e ironia. Sul palco la spettaccolare breakdance e il sindaco che fa lo spoglio (e si spoglia).

Come da tradizione, ieri, mercoledì 20 febbraio, vi è stato a Roveredo lo spettacolo d'apertura del Carnevale Lingera, che ormai già da qualche anno è stato trasferito dall'aperto all'interno del Capannone. Lo spettacolo d'apertura della 57esima edizione della Lingera, come sempre, è stato un mixage di ballo, musica, canti e intermezzi comico-satirici, che anche quest'anno sono stati incentrati sulla realtà politica di Roveredo, parlando dell’annosa questione della “ricucitura”. Infatti, come è stato definito dai cabarettisti presenti sul palco, Roveredo si presenta come una “formagella divisa in due”, dove la divisione non era nient’altro che l’autostrada che tagliava in due il paese mesolcinese. Oggi, dopo l’apertura della galleria autostradale che funge da circonvallazione, gli abitanti di Roré discutono e si dividono su come utilizzare i terreni liberati dal vecchio tracciato autostradale e dunque, come ricucire il Comune dopo decenni che è stato diviso dall’autostrada.
Ma lo spettacolo d’apertura ha avuto il suo apice, secondo noi, nelle performance di ballo si delle ragazze (molto brave, anche se non tutto è filato liscio e hanno in un’occasione dovuto iniziare da zero il loro balletto), quanto i ragazzi (specializzati in breakdance, ma ci permettiamo di sottolineare che secondo noi osavano un po’ di più negli spettacoli d’apertura di cinque o sei anni fa, quando si tenevano all’aperto).
Va sottolineato che per i “sudditi” del carnevale e cittadini di Roveredo sicuramente è stata apprezzata la performance della consegna delle chiavi da parte di un sindaco che spogliandosi è rimasto in mutandoni, mentre era intento a fare lo spoglio delle schede elettorali dell’ultima elezione del Municipio di Roveredo, fra un “porco Giuda” e qualche commento sarcastico sull’operato dell’Ufficio elettorale.
Noi che siamo particolarmente critici comunque segnaliamo agli organizzatori e al Re della Lingera Brenno Martignoni qualche nota stonata di questo spettacolo d’apertura. Sicuramente buone le coreografie, ma non altrettanto l’impianto audio (e anche luci) e forse, se le singole performance sono state tutte perlomeno dignitose, va migliorata la “fluidità” dello spettacolo e “l’amalgama” fra una performance e l’altra, diminuendo anche il tempo in cui le persone che devono esibirsi salgono e scendono dal palco (basterebbe introdurre un accesso in più al palco). I costumi dei monarchi e della corte, come di tutti gli altri che si sono esibiti, come sempre, erano degni di nota.
Comunque ora fino a domenica, a Roveredo, si fa Carnevale e come sempre sarà un gran Carnevale.
 
 
 
 
 
nf