"Prepararsi alla seconda ondata e preparare il sistema sanitario"

"Prepararsi alla seconda ondata e preparare il sistema sanitario"

Maggio 18, 2020 - 13:03
Posted in:

Il direttore della regione Europa dell'OMS Hans Kluge fornisce alcune indicazioni per prepararsi in vista della seconda ondata di covid-19. Fondamentale sarà la capacità del sistema sanitario di gestire il potenziale afflusso di pazienti. 

Come prepararsi alla possibile seconda ondata di covid-19? In un'intervista rilasciata al giornale britannico Daily Telegraph il direttore della regione Europa dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Hans Kluge, fornisce alcune indicazioni valide per tutti i Paesi per evitare una situazione che potrebbe essere ancora più critica della prima ondata. 

Fondamentale, dice Kluge, "è la capacità del sistema sanitario pubblico di gestire l'attuale e potenziale afflusso della seconda ondata di pazienti affetti da Covid-19. Questo include il sistema sanitario di base e la capacità di terapia intensiva". "Sono molto preoccupato per una doppia ondata - in autunno potremmo avere una seconda ondata di Covid e un'altra di influenza stagionale o morbillo", prosegue. "Due anni fa abbiamo avuto 500'000 bambini che non hanno fatto la prima iniezione del vaccino contro il morbillo". 

Kluge individua pure alcuni esempi virtuosi di Paesi che stanno agendo a suo parere correttamente. "Singapore e il Giappone hanno capito subito che non è il momento di festeggiare, ma di prepararsi", dice Kluge. "Dobbiamo costruire la capacità del sistema sanitario pubblico, ospedaliero e di assistenza sanitaria di base e la capacità di terapia intensiva. Questo è quello che stanno facendo i paesi scandinavi, non escludono una seconda ondata. Ma sperano che sia localizzata e che possa essere presa al volo in tempi brevi". 

Anche il sistema sanitario non ospedaliero potrà giocare un importante ruolo, dice Kluge. "Quello che sappiamo - e ci sono ancora tante incognite - è che l'assistenza sanitaria di base gioca un ruolo molto importante", spiega. "In alcune regioni gli ospedali sono stati un amplificatore della pandemia". Ad esempio "l'Austria ha avuto esempi innovativi fin dall'inizio per tenere l'epidemia fuori dagli ospedali. In Corea del Sud c'erano cabine dove le persone venivano sottoposte a test - non nell'assistenza sanitaria di base, non nell'ospedale, ma da qualche parte in mezzo. Hanno tenuto l'epidemia fuori dall'ospedale - è molto intelligente".

Per quanto riguarda l'allentamento dei lockdown, prosegue, "ci sono due parole chiave: uno gradualmente e due attentamente. La gente pensa che l'isolamento sia finito. Non è cambiato nulla. Il pacchetto completo per il controllo delle malattie deve essere pronto. Questo è il messaggio chiave". Tuttavia, dice Kluge, "comprendiamo che un blocco continuo è insostenibile. Nel Regno Unito ci sono state forti pressioni per un allentamento dell'isolamento. Lo capiamo: c'è un enorme pedaggio sulla salute mentale".