‘Nuove Officine’, la CAT vuole un concorso di progetto, "unica garanzia per un progetto di qualità”

‘Nuove Officine’, la CAT vuole un concorso di progetto, "unica garanzia per un progetto di qualità”

Dicembre 17, 2019 - 13:53
Posted in:

Per il nuovo stabilimento delle Officine la CAT chiede un concorso di progetto, a salvaguardia della qualità dell'opera e del territorio. Consegnata oggi una petizione sottoscritta da oltre 600 affiliati.

Per la realizzazione del nuovo stabilimento delle Officine FFS ad Arbedo Castione ci vuole un concorso di progetto. Ne è convinta la Conferenza delle Associazioni tecniche del Canton Ticino (CAT), che oggi ha consegnato alla direttrice delle FFS Regione Sud Roberta Cattaneo una petizione sottoscritta da oltre 600 architetti, ingegneri e professionisti. 
 
Scopo della petizione è appunto convincere le FFS ad organizzare un concorso di progetto per il Nuovo Centro Manutenzione Ticino FFS, e non procedere, come sono orientate a fare le FFS, con un concorso di prestazione. 
 
Una scelta, quella del concorso di progetto, che permetterebbe, sostiene la CAT, di avere la garanzia di un progetto di qualità sia per lo stabilimento che per la salvaguardia del territorio. 
 
Oggi a consegnare la petizione c'erano il direttore della CAT Loris Dellea e il membro Commissione concorsi SIA (Società svizzera degli ingegneri e degli architetti) Ticino Gustavo Groisman. 
 
La petizione nasce dopo una risposta negativa da parte delle FFS alla richiesta della CAT, risalente allo scorso 7 novembre 2019. Secondo la CAT, si legge nella petizione, "l'importante ruolo di servizio pubblico svolto dalle FFS deve essere identificato anche attraverso l'adozione delle procedure riconosciute in ambito pubblico, in modo particolare nell'interesse della qualità di un progetto". "Per soddisfare al meglio queste esigenze e per ottenere un progetto di qualità l'unica strada percorribile è l'organizzazione di una procedura che prevede un concorso di progetto e non di prestazioni", scrive la CAT, che mette in evidenza anche il contributo pubblico di 120 milioni ricevuto per il progetto da Cantone e Città di Bellinzona (il concorso di progetto è d’obbligo per gli enti pubblici, mentre non lo è per le FFS). 
 
Sarà ora da vedere se le FFS ritorneranno sulle proprie posizioni.