Nasce l’Associazione Bellinzona Institutes of Science (Bios+)

Nasce l’Associazione Bellinzona Institutes of Science (Bios+)

Settembre 17, 2021 - 02:21
Posted in:

Riceviamo e pubblichiamo. Comunicato stampa dell’associazione Bios+.

Oggi, mercoledì 15 settembre, le Fondazioni dell’Istituto di ricerca in biomedicina (IRB) e dell’Istituto oncologico di ricerca (IOR) hanno presentato la neonata associazione Bellinzona Institutes of Science (Bios+) costituita dai due Istituti il 21 luglio scorso allo scopo di promuovere e coordinare le attività di ricerca e di creare sinergie a livello scientifico e organizzativo in vista dello sviluppo, nella Svizzera italiana, di un Centro di ricerca nazionale ed internazionale sulle scienze della vita.

Bios+ è un’associazione senza scopo di lucro con sede a Bellinzona presieduta dall’Avv. Gabriele Gendotti (presidente) e dal Prof. Franco Cavalli (vice presidente) e composta dall’Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB)edall’Istituto Oncologico di Ricerca (IOR).

La missione dell’Istituto di ricerca in biomedicina (IRB) è lo studio dei meccanismi di difesa immunologica dell’organismo e delle basi fisiopatologiche di malattie infettive, infiammatorie, degenerative e tumorali, allo scopo di identificare nuove strategie terapeutiche. Grazie alle sue attività, l’IRB è stato in grado, sin dalla sua nascita nel 2000, di acquisire in questi campi notevole visibilità scientifica internazionale. IRB è partner di centri di ricerca scientifici di punta, quali per esempio il Politecnico di Zurigo e l’Università Humanitas di Milano e offre, grazie a collaborazioni con università svizzere e straniere, opportunità di formazione per giovani ricercatori a tutti i livelli. IRB contribuisce inoltre all’insegnamento di base presso il Politecnico di Zurigo e l’Università della Svizzera italiana. IRB conduce le sue ricerche utilizzando una varietà di approcci scientifici d’avanguardia, per i quali la Fondazione IRB fornisce le necessarie piattaforme tecnologiche avanzate ed il supporto di personale altamente specializzato. Dalla sua apertura l’IRB ha formato oltre 100 studenti di PhD che hanno proseguito la loro carriera accademica o nell’industria in Svizzera e all’estero.

L’attività di ricerca dell’Istituto oncologico di ricerca (IOR) abbraccia diversi temi e approcci metodologici, dalla ricerca di base alla ricerca traslazionale e clinica, toccando vari aspetti della biologia, della diagnosi e della terapia dei tumori. Fin dal suo avvio nel 2003, lo IOR ha seguito un percorso di continua espansione e consolidamento. Attualmente, allo IOR sono attivi sette gruppi di ricerca (nel 2022 saranno otto) e circa un centinaio di ricercatori, organizzati in due programmi principali: uno focalizzato sui linfomi e i tumori ematologici e l'altro che si occupa di tumori solidi, come il cancro alla prostata e al seno. L’obiettivo comune è di acquisire nuove conoscenze sui tumori e, su queste basi, sviluppare nuovi approcci diagnostici e strategie terapeutiche altamente innovative. Caratteristiche fondamentali del lavoro svolto allo IOR sono l'approccio multidisciplinare, il coinvolgimento di ricercatori di base e ricercatori clinici, e l'interazione con una vasta rete di collaboratori e centri di eccellenza a livello locale, nazionale e internazionale. La qualità della ricerca condotta presso lo IOR è dimostrata dalla rilevanza delle pubblicazioni scientifiche, dei premi e dei finanziamenti competitivi conferiti ai propri ricercatori a livello nazionale e internazionale. Lo IOR ha anche un forte impegno nella formazione di giovani ricercatori nel contesto di collaborazioni internazionali con varie università e centri di ricerca e contribuisce ai programmi educativi della Facoltà di Scienze Biomediche e alla scuola dottorale dell’USI.

Questa è la scienza che aiuta la vita. www.biosplus.ch