Mister Prezzi sulla tassa sul sacco: "la tassa base la decidano i Comuni"

Mister Prezzi sulla tassa sul sacco: "la tassa base la decidano i Comuni"

Settembre 29, 2016 - 09:31
Posted in:

MIster Prezzi "boccia" l'idea di una tassa base unica a livello cantonale sui rifiuti. La modifica verrà integrata nel rapporto della Commissione della Legislazione. 

La tassa base sui riufiuti deve essere fissata dai Comuni. Si è espresso così "Mister Prezzi", Stefan Meierhans. "Riteniamo che la soluzione più pragmatica sia quella di lasciare alle entità comunali del Canton Ticino la competenza di definire la tassa base in funzione delle proprie esigenze e specificità", ha detto il soregliante dei prezzi. 
 
Meierhans ha pure inviato una lettera al Dipartimento del territorio, invitandolo a stralciare dal relativo progetto di legge il capoverso che prevede l'introduzione di una tassa base unica per tutte le economie domestiche, per cui andrà invece operata invece una ditinzione secondo la tipologia di economoia domestica al fine di garantire il rispetto del principio di causalità.
 
Il Consigliere di Stato Claudio Zali ha scritto che non ha nesuna obbiezzione inmerito ai commissari della legislazione, riuniti ieri per dibattere sulla tassa sul sacco.
 
La modifica proposta da Mister Prezzi verrà integrata nel rapporto di Giorgio Galusero (Plr). Dal canto suo il presidente della Commissione Maurizio Augustoni non ha escluso che il Ppd possa stilare un secondo rapporto: "Le indicazioni di Mister prezzi sulla tassa base, e quindi sull'autonomia comunale, dovrebbero valere anche per la fissazione del prezzo della tassa sul sacco. Il tutto permettendo al Governo di intervenire in caso di tariffe palesemente contrarie al diritto federale", ha dichiarato al Corriere del Ticino.
 
"Discuteremo in gruppo alla ricerca di una posizione maggioritaria", ha invece dichiarato a La Regione il granconsigliere leghista Boris Bignasca. "Io continuo a sostenere che una tassa del genere non si giustifica: i veri produttori di rifiuti sono le aziende della grande distribuzione".