La prima economia del mondo piegata dal virus. Disoccupazione ai massimi dalla crisi del '29

La prima economia del mondo piegata dal virus. Disoccupazione ai massimi dalla crisi del '29

Maggio 08, 2020 - 20:32
Posted in:

In aprile gli USA contano 20,5 milioni di disoccupati in più. Il tasso di disoccupazione sale al 14,5%, un picco che non si vedeva dal 1933. 

Nel mese di aprile negli USA si sono persi 20,5 milioni di posti di lavoro. Il tasso di disoccupazione è salito a un devastante 14,7%, che per gli Stati Uniti è il dato peggiore dai tempi della Grande Depressione della crisi del 1929 e di gran lunga superiore agli 8,7 milioni di posti di lavoro persi nella crisi del 2008, quando, ad ottobre, il tasso di disoccupazione ragguinse il picco del 10%. I dati sono stati forniti oggi dal Dipartimento del Lavoro. 

Bisogna ritornare al 1933 per trovare un tasso di disoccupazione superiori: allora il tasso di disoccupazione (anche se il Governo non pubblicava statistiche ufficiali) raggiunse il 25%. 

La maggior parte delle previsioni indica che il tasso di disoccupazione rimarrà elevato almeno fino al 2021 e probabilmente anche più a lungo.

La disoccupazione ha copito in particolare la fascia di popolazione che già si trovava in condizioni precarie: come riferisce il New York Times, lavoratori con basso salario, tra cui molte donne e membri di minoranze razziali ed etniche.

Le richieste di disoccupazione sono aumentate di decine di milioni in poche settimane e gli uffici di collocamento si sono mobilitati per assumere piùimpiegati, aggiornare i computer e potenziare i call center, ma molti riferiscono di probelmi nella gestione della crisi e lamentano ritardi nei pagamenti delle indennità.