Il Mattino intervista l'economista Dominick Salvatore: "Sul segreto bancario non vi siete preparati"

Il Mattino intervista l'economista Dominick Salvatore: "Sul segreto bancario non vi siete preparati"

Novembre 27, 2016 - 06:50
Posted in:

Sull'odierna edizione de "Il Mattino della Domenica" viene intervistato l'economista Dominick Salvatore, ospite al Lantern Fund Forum svoltosi lunedì e martedì scorsi a Lugano. Molti i temi affrontati dall'economista, fra cui il franco forte, le prospettive dell'Italia, dell'Euro e le "astuzie" del governatore della Bce Mario Draghi. 

L'economista Dominick Salvatore, professore alla Fordham University di New York, consulente delle Nazioni Unite, della Banca Mondiale, del Fondo Monetario Internazionale, oltre che di numerose banche e multinazionali, era ospite la settimana appena trascorsa del Lantern Found Forum svoltosi a Lugano.
 
Sull'odierna edizione del "Mattino della Domenica" si può leggere un'intervista a Salvatore, a firma di Andrea Censi (studente di economia alla SUPSI, nonché consigliere comunale per la Lega a Lugano), fatta in quell'occasione.
 
L'economista statunitense di origine italiana affronta svariati temi di natura economica, fra cui le prospettive future per l'Unione europea, che Salvatore giudica tutt'altro che rosee. Il peccato originale dell'Ue, secondo salvatore, è che "non si può fare una moneta unica basandosi solo sulla politica monetaria senza quella fiscale". "Coloro che hanno creato l'euro lo sapevano", spiega Salvatore, "pensavano però che trovandosi inevitabilmente in crisi, i paesi sarebbero stati forzati anche ad avere un sistema fiscale integrato, ma non è accaduto e non accade e quindi il problema rimane"
 
Ma l'economista fornisce anche qualche interessante spunto in merito alla situazione della Svizzera. In merito alla problematica del franco forte Salvatore lancia un segnale positivo per l'export elvetico: "Con l'apprezzamento del dollaro e con la crescita che è in diminuzione anche in Svizzera, queste politiche (quelle della BNS nel tentativo di svalutare la moneta elvetica, ndr) diventano sempre meno necessarie, la possibilità di ulteriori apprezzamenti del franco è limitata".
 
Ma Salvatore, sollecitato dall'intervistatore, non lesina qualche critica alla piazza finanziaria elvetica, in particolare sull'"exit strategy" dal segreto bancario. "Una volta arrivavano fondi da ogni dove senza che la Svizzera facesse nulla, ora devono guadagnarsi questi afflussi di capitale e non è facile imparare da un giorno all'altro", dichiara l'economista. "Non vi siete preparati..."