Giovani UDC: "Per il diritto all'istruzione"

Giovani UDC: "Per il diritto all'istruzione"

Settembre 17, 2021 - 02:24
Posted in:

Riceviamo e pubblichiamo. Comunicato stampa dei Giovani UDC. 

Fino ad agosto, un obbligo del certificato Covid nelle università era impensabile. Matthias Geering, capo della comunicazione e del marketing dell'Università di Basilea, in una dichiarazione rilasciata a Telebasel il 20 agosto, affermava che, da un punto di vista legale, l’obbligo del certificato Covid non fosse fattibile. Questo perché si tratta di istituzioni pubbliche che devono garantire l'accesso all'istruzione a tutti, indipendentemente dal fatto che siano vaccinati, testati o meno.

 

Oggi, tre settimane dopo, tutto ciò che è stato detto e ogni principio di uguaglianza giuridica, di parità di diritti e di opportunità, una volta molto lodato, sembra essere stato dimenticato. Numerose università stanno introducendo l’obbligo di certificato Covid senza nemmeno un pensiero per gli studenti. L’obbligo indiretto a vaccinarsi che ne deriva è evidente. Quasi nessuno studente ha i mezzi finanziari per i tre test richiesti ogni settimana. Se si calcolano 54 franchi per test, si arriva a costi aggiuntivi di 162 franchi a settimana o 702 franchi al mese, che in un budget medio per studenti corrisponde all’affitto dell'alloggio. Il Consiglio Federale e le università danno così agli studenti che non vogliono essere vaccinati la scelta tra un tetto sulla testa o lo studio, anche se per la maggior parte di essi non ci sono abbastanza soldi per entrambi. Inoltre, è incoerente il fatto che i datori di lavoro debbano pagare i costi dei dipendenti, ma allo stesso tempo questo principio non venga applicato alle prestazioni garantite dallo Stato nel campo dell'istruzione. Il Consiglio Federale e le università stanno quindi violando il diritto all'istruzione rendendo di fatto impossibile l'accesso ai non vaccinati. Stanno creando una società a due classi in cui solo i vaccinati hanno accesso all'istruzione e i non vaccinati sono sistematicamente discriminati. In questo modo, lo stato continuerà a creare una società a due livelli nei settori della scienza, della ricerca e degli affari, allevando un'élite vaccinata e fedele allo stato e dando solo a loro l'accesso all'istruzione, mentre rende questa opportunità impossibile per le persone che la pensano diversamente.

 

Per i Giovani dell'UDC Svizzera, la coercizione e la violazione dei diritti umani da parte del Consiglio federale e delle università è insostenibile. L'articolo 26 (1) della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani afferma chiaramente che tutti hanno il diritto all'istruzione e che l'istruzione superiore deve essere aperta a tutti in modo uguale secondo le loro capacità. Con l'estensione del requisito del certificato, viene a meno questo diritto. Chiediamo quindi al Consiglio Federale di fermare questa espansione e di ripristinare il diritto all'istruzione per ogni cittadino, indipendentemente dal suo atteggiamento nei confronti della vaccinazione.

 

I Giovani UDC Svizzera chiedono quindi:

  1. L'abolizione del certificato Covid obbligatorio nelle università e scuole professionali
  2. L'abolizione generale immediata del certificato e il ritorno alla normalità;
  3. Test antigenici gratuiti fino alla completa eliminazione dell'obbligo generale di possedere un certificato.
  4. Offerte online per gli studenti che non possono o non vogliono partecipare in presenza.