Dimissioni a Lugano. Ospedali pronti?

Dimissioni a Lugano. Ospedali pronti?

Maggio 20, 2020 - 00:50
Posted in:

Mercoledì 20 maggio. Oggi ricorre la giornata mondiale delle api, insetti fondamentali per l'ecosistema, ma che in tutto il mondo stanno conoscendo una diminuzione delle popolazioni, minacciate dall'attività umana, dal cambiamento climatico è dall'inquinamento.

Giugno si avvicina e con esso l’estate, anche se sarà ben diversa da quelle che abbiamo lasciato alle spalle, sotto “l’ombra” del cronavirus (e dunque senza tutti gli importanti eventi che ogni estate animano le piazze e le strade del Ticino). Sul fronte contagi la situazione sembra positiva, con solo pochissimi nuovi casi e decessi comunicati giornalmente. Anche girando per le strade l’impressione è che la gente voglia lasciarsi questo brutto periodo alle spalle (quello sanitario, mentre il grosso della crisi economica è ancora da vedere).

Intanto però sarebbe il caso di sfruttare il momento di “calma” per prepararsi adeguatamente a un possibile ritorno dell’epidemia, magari in autunno e concomitante con l’influenza stagionale. Ci ritroveremo nuovamente con un rischio di “tutto esaurito” negli ospedali? E se così fosse si procederà a nuovi lockdown?

Sul tema coronavirus proprio oggi pomeriggio è prevista una conferenza stampa, con presente il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi, il medico cantonale Giorgio Merlani e Marina Lang e Elia Arrigoni per la Polizia cantonale. Vedremo quali comunicazioni avranno da fare. 

Per quanto riguarda la preparazione delle strutture sanitarie oggi riporteremo il parere di Paolo Ferrari, capo area medica dell’EOC, e quello del presidente della commissione sanitaria del Gran Consiglio Lorenzo Jelmini… piccola anticipazione, sui posti in cure intense c’è da lavorare…

Ma pubblicheremo anche un’intervista al membro del cda di Lasa Robert Deillon, sugli sviluppi della situazione dell’aeroporto di Lugano.

Sempre da Lugano abbiamo un’altra anticipazione da proporre ai nostri lettori: due consigliere comunali si dimetteranno…