Boom di nascite a Natale? Qualcuno annuncia già i coronababy

Boom di nascite a Natale? Qualcuno annuncia già i coronababy

Aprile 07, 2020 - 14:56

Volano le vendite di sex toys e profilattici. In Germania ci si attende un'esplosione di nascite. Gianluca Mercuri (Corriere della Sera) conia in anticipo un neologismo: coronababy.

Secondo il periodico tedesco Berliner Kurier, a Natale ci potrebbe essere un boom di nascite, legato al coronavirus. A riprendere l'articolo è Gianluca Mercuri, sulla rassegna stampa dell›edizione digitale del Corriere della Sera, il quale ha coniato il termine coronababy, per definire quelli che potrebbero essere «i bambini che senza questa tragedia non sarebbero mai nati».

Quanto scritto dal Berliner Kurier ha suscitato anche l'interesse del Financial Times, che ha approfondito la questione. Secondo il quotidiano londinese, «Ritex, il più grande produttore tedesco di profilattici, ha visto quasi raddoppiare le sue vendite di marzo (rispetto al precedente anno, ndr.». Il fornitore tedesco di vibratori Dildo King, invece, pare che nel marzo 2020 abbia avuto incrementi delle vendite dell'87%, rispetto al marzo del 2019. Come evidenziato dal Financial Times, la crescita delle vendite di preservativi e sex toys non è un fenomeno in corso soltanto in Germania.

Con profilattici e vibratori non è automatico fare dei figli, ma sembra certo che stare chiusi in casa possa risvegliare certe passioni. Prima della fine dell'anno vedremo se il coronababy di Gianluca Mercuri avrà un riscontro nei tassi di natalità. Auguri a lui per la fortuna del suo neologismo e ai (forse) futuri genitori per la (speriamo) dolce attesa.