A Bellinzona abbasso Marx&Co, la nuova frontiera ideologica sono Ciancimino e Lima

A Bellinzona abbasso Marx&Co, la nuova frontiera ideologica sono Ciancimino e Lima

Maggio 08, 2020 - 22:20
Posted in:

I socialisti di Bellinzona in un comunicato (pubblicato ci risulta solo da "La Regione") se la prendono con Pronzini&Co. Va bene che fra le fila del PS in Consiglio comunale nella capitale siede un direttore di casa anziani, ma chiedere patenti di immunità pare veramente eccessivo. 

Sulla crisi del coronavirus, noi di Ticinotoday non condividiamo l'atteggiamento "ultrasecurizzato" e contrario a qualsiasi riapertura (vedi la posizione del Mps sulla riapertura delle scuole).

Detto ciò come premessa, noi siamo per le riaperture (anche della scuola), ma altresì per fare adeguata chiarezza su cosa è successo in questi 2 mesi e mezzo di emergenza coronavirus.

E qui l'Mps ha ragione a voler chiarezza su cosa sia successo in questi 2 mesi e mezzo nelle case per anziani ticinesi, dove si è concentrato quasi la metà dei decessi da covid-19 in Ticino.

Matteo Pronzini&Co hanno fatto una segnalazione alla Magistratura per far luce su cosa sia successo in quelli che una volta venivano chiamati ospizi.

Da parte nostra noi saremmo anche per l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta per far luce sulla triste vicenda.

 

 

**********

 

 

E invece cosa ti fanno i socialisti di Bellinzona? Mandano un comunicato stampa (che noi non abbiamo ricevuto e nessun media ha pubblicato, tranne La Regione,  e dunque supponiamo che la presidente sezionale Malacrida l'abbia mandato solo alla testata di via Ghiringhelli. Scelta per altro curiosa, visto che La Regione è stato uno dei media più, giustamente, critici, su quanto avvenuto nelle case per anziani).

Ebbene cosa dice il "comunicato-fantasma" del Ps di Bellinzona? In poche parole che che l'Mps per puro opportunismo politico ha fatto la segnalazione alla Magistratura, mettendo sotto attacco i dirigenti e il personale socio-sanitario delle case per anziani.

Ammesso e non concesso che l'Mps stia facendo un'operazione politica solo per tornaconto elettorale (la cosa ci riguarda poco e a dire il vero non ci interessa), è vergognoso che la sezione presieduta dal nuovo membro della direzione cantonale del Ps Ticino, Martina Malacrida, abbia da criticare se qualcuno ritiene opportuno rivolgersi alla Magistratura per far luce su cosa è successo (in alcune) case anziani.

Scrivere nel proprio comunicato "...Quale segno concreto di solidarietà chiediamo alle istituzioni politiche e giudiziarie di proteggere con vigore chi con abnegazione è rimasto giorno e notte in prima fila a fare il proprio lavoro: prendersi cura del prossimo”, come fa il Ps di Bellinzona, è di fatto chiedere una patente di immunità giudiziaria! È quello che in Italia alcuni dirigenti Asl (aziende sanitarie locali, il corrispettivo del nostro Eoc) hanno chiesto, quando hanno sollecitato il Parlamento a redigere una legge "scudo", in modo da impedire qualsiasi inchiesta penale sui dirigenti Asl.

Ma se l'Mps è opportunista con la sua segnalazione alla Magistratura il Ps di Bellinzona è assurdo e mistificatore quando scrive, a proposito del personale che viene toccato dalla segnalazione dell'Mps, "... che la maggior parte di questo settore è composto da donne. Vedere l’Mps lottare per i diritti delle donne tutto l’anno e ora attaccare le stesse donne ci rende tristi". 

Ma siamo sicuri che la maggior parte dei dirigenti delle case per anziani siano donne? E poi, cosa vuol dire? Perché un partito difende le donne non può chiedere di far luce su cosa sia successo nelle case anziani, visto che la maggioranza del personale è donna? Ma siamo scemi?

Fa tristezza vedere un partito che chiede "solidarietà politica e giudiziaria" per stigmatizzare una possibile (ma non probabile, anzi siamo certi che la Procura deciderà di non indagare) indagine della Magistratura. Siamo all'omertà e alle vagonate di sabbia.

Il Ps di Bellinzona ha abbandonato Marx e compagnia, per avere come riferimenti intellettuali e politici Ciancimino e Salvo Lima?

 

 

**********

 

 

Ma poi perché uscire con questo comunicato stampa (che ha, finora, pubblicato solo La Regione), quando sappiamo benissimo che la Procura anche se aprisse un incarto, non succederebbe nulla?D’altronde il passato insegna. L'inchiesta sulla sussidiatissima Pramac che fine ha fatto? E l'inchiesta della Procura sul fallimento Darwin Airline in cosa è sfociata? Nulla (almeno stando ad oggi).

Dunque la segnalazione alla Magistratura da parte dell'Mps, farà la stessa fine. Ma proprio uscire sul media (La Regione) per criticare chi vuole far luce (un po' ingenuamente) non solo è ridicolo, ma riprovevole.

Va bene che nelle proprie file in Consiglio comunale c'è un dirigente di casa anziani, ma può stare tranquillo, non succederà nulla, non c'è bisogno di diffondere (solo a La Regione) comunicati stampa vergognosi.

Stigmatizzare l'intervento della Magistratura lo facevano politici come Ciancimino, Salvo Lima e più recentemente Silvio Berlusconi e Matteo Salvini.

Non è una bella cosa!