Anche l'ex sindacalista a favore della "meritocrazia"

Anche l'ex sindacalista a favore della "meritocrazia"

Novembre 18, 2018 - 10:28
Posted in:

L'ex sindacalista Ocst Nando Ceruso si schiera a favore della riforma all'insegna della meritocrazia del ROD di Lugano.

Non tutto il sindacalismo ticinese vede male le riforme all'insegna della meritocrazia. Oggi sul Mattino della Domenica la rubrica "Forum" è dedicata al nuovo ROD (Regolamento organico dipendenti) della Città di Lugano, che ha introdotto il principio della meritocrazia al posto degli scatti salariali automatici. Fra i pareri che Il Mattino ospita vi è anche quello di Nando Ceruso, già sindacalista di primo piano dell'Ocst, noto al grande pubblico per la battaglia per gli stipendi dei dipendenti del Casinò di Lugano.
Secondo Ceruso "partendo dal presupposto che tutte le persone che svolgono un’attività lavorativa dipendente hanno diritto a prestazioni salariali e contrattuali soddisfacenti, inserire clausole contrattuali tese a valorizzare e riconoscere i meriti professionali e l’impegno lavorativo non dovrebbe scandalizzare nessuno". "Probabilmente qualche 'benpensante' troverà da ridire su queste affermazioni", prosegue, "ma ritengo che sia ora di finirla di appiattire verso il basso i valori professionali e lavorativi delle persone, sulla falsa riga del 'tutti uguali' per parità di trattamento a scapito, però, di coloro che hanno meriti che invece andrebbero valorizzati e riconosciuti anche sul piano contrattuale e della remunerazione".