La luce blu per il cuore

La luce blu per il cuore

Novembre 17, 2017 - 19:40
Posted in:

Pubblichiamo il seguente comunicato relativo all'attività  degli enti di primo intervento non sanitari (EPINS). 

Continua l'impegno degli enti di primo intervento non sanitari (EPINS) nella presa a carico dell'arresto cardiaco improvviso nell'ambito della rete di First Responder (FR), creata dalla Fondazione Ticino Cuore e gestita da Ticino Soccorso 144. Il gruppo EPINS è composto dalla Polizia cantonale, dai poli delle Polizie comunali, dalla Polizia dei trasporti, dalla Polizia cantonale grigionese, dalla Polizia militare, dalla Polizia locale di Campione d'Italia, dalle Guardie di confine e dai corpi pompieri. In 10 anni di attività il gruppo EPINS è intervenuto in oltre 1'800 casi di arresto cardiaco. Il loro celere intervento, così come quello di tutti i componenti della rete FR, ha contribuito in modo significativo all'aumento della sopravvivenza della persona colta da arresto cardiaco attraverso l'inizio precoce della rianimazione e dell'utilizzo del defibrillatore. L'ottimizzazione del processo di presa a carico del paziente, grazie alla sinergia ed alla professionalità di tutti gli attori e delle istituzioni che intervengono nella cura del paziente, ha permesso al Canton Ticino di posizionarsi tra le regioni con il più alto tasso di sopravvivenza a livello internazionale, aumentandolo dal 16% del 2006 al 57% del 2016.
Per sottolineare questo importante momento il gruppo EPINS, durante l'incontro informativo avvenuto il 15.11.2017, ha potuto visitare il Cardiocentro toccando con mano quanto succede presso la rinomata struttura dopo la rianimazione.