Come riportare a casa 46 milioni cash dalla Svizzera

Come riportare a casa 46 milioni cash dalla Svizzera

Luglio 09, 2018 - 10:48
Posted in:

Dall'entrata in vigore dello scambio automatico di informazioni non tutti i soldi esteri hanno fatto rientro in Italia per vie legali.

Con il 2018 è entrato in vigore per le banche svizzere l’ordinanza sullo scambio automatico dei dati dei cittadini esteri che detengono conti in Svizzera. Per quanto riguarda l’Italia dal 2015, quando fu presa la decisione in merito allo scambio automatico, dalla Svizzera hanno fatto rientro in patria per vie legali 41 miliardi di euro. Solo una piccola parte dei 137-171 miliardi stimati da Banca Italia nel 2013 che erano nascosti in Svizzera. Dove sono finiti i miliardi mancanti all’appello?
A parlarne è la trasmissione di Milena Gabanelli, Dataroom, ospitata sul sito de Il Corriere della Sera. 46 milioni di questi euro mancanti all’appello sono stati trovati dalla Guardia di Finanza.
Alberto Vazzoler, cinquantottenne dentista veneziano con residenza a Monaco, spiega la Gabanelli, aveva ideato un complicato sistema di trasferimenti per riportare in Italia in contanti i soldi di provenienza italiana depositati in Svizzera. Vazzoler “spostava denaro depositato nei conti in Svizzera. Conti intestati ai suoi clienti, per la maggior parte imprenditori ed evasori fiscali, che cercavano di trasformare i depositi in contanti”, spiega l’articolo di Milena Gabanelli e Andrea Pasqualetto. “Perché a un certo punto le banche elvetiche hanno detto basta al cash”, ha spiegato Alberto Vazzoler agli inquirenti. “E così se qualcuno voleva monetizzare o lo faceva legalmente aderendo alla Voluntary, ma costava troppo, oppure poteva prelevare il denaro in qualche altro modo, e l’altro modo eravamo noi”. “Il suo sistema era naturalmente fuorilegge: giroconti, fatture false, transazioni inesistenti in lingotti d’oro”, si legge su Il Corriere della Sera. “Tutte operazioni estero su estero che partivano dalla Svizzera per transitare in Slovacchia o Repubblica Ceca e finire e Dubai, negli Emirati Arabi, dove il denaro circolato online diventava sonante. Ci pensava poi un corriere specializzato a trasferirlo a Lugano con voli di linea”.

Qui il video che spiega il sistema utilizzato per riportare i soldi contanti in Italia.